RISTORAZIONE COLLETTIVA

elaborazione, verifica e controllo dei menù

Webinar di Perfezionamento e aggiornamento professionale

Ristorazione

1 fine settimana, 2 giorni, 16 ore di lezioni e dimostrazioni pratiche

3 – 4 febbraio 2023 – Piattaforma Zoom

DESTINATARI: Il corso è riservato a laureandi o laureati in biologia, medicina, nutrizione umana e dietistica, che per legge possono elaborare diete individuali o menù ristorativi. È consigliato, però, anche a coloro che, con un titolo in materie tecniche attinenti agli argomenti trattati, come cuochi, responsabili di mense, catering, ecc., lavorano già nel settore della ristorazione collettiva o in settori affini, e desiderano per la propria crescita personale e professionale, approfondire determinati temi e concetti.

Costo totale del Webinar senza sconto: 280 €.

OFFERTA  STRAORDINARIA: fino al 15 gennaio 125 €, 55% di sconto, rateizzabile. Dal 16 gennaio: 170 € (40% di sconto).

PER ISCRIVERSI: Il webinar può essere saldato in una o due/tre soluzioni; in quest’ultimo caso ci si iscrive versando come acconto la metà – 62,5 €, e si riceve una email da parte della segreteria con un prospetto di rateizzazione e di saldo. Oppure inviare solo la scheda, se ci si iscrive “con riserva”.

OBIETTIVISarà messo a disposizione dei partecipanti un software professionale per elaborare e controllare i menù nella ristorazione collettiva: scolastica, aziendale, residenziale, ecc.

Per ristorazione collettiva s’intende il servizio di preparazione e consegna su larga scala di pasti completi per collettività (mense aziendali, scuole, ospedali, carceri, case di riposo, ecc.). La ristorazione collettiva è sempre rivolta a un numero abbastanza ampio di persone, che hanno la necessità di usufruire del medesimo servizio in quanto fanno parte di un gruppo: dipendenti di una stessa azienda, degenti di un ospedale, studenti di un’università, ecc.
Nell’ambito della ristorazione collettiva meritano un cenno distinto i settori della ristorazione aziendale e quello della ristorazione sociale, ospedaliera e scolastica in particolare. Ogni forma di ristorazione collettiva ha esigenze molto specifiche, legate alla tipologia e alle esigenze della clientela che ne deve usufruire. Si devono considerare in modo assolutamente rigoroso gli aspetti nutrizionali e igienici, con standard qualitativi costanti ma che si adattino alle mutevoli e diversificate esigenze di utenti. Si propone quindi ai clienti una cucina standardizzata, ma non priva di qualità. Anche se di gusto meno intenso e piacevole e con una presentazione dei piatti poco curata, la cucina della ristorazione collettiva può essere sicuramente molto controllata e bilanciata sotto l’aspetto nutrizionale. Il menu è sempre il risultato di un lavoro congiunto tra cuochi e nutrizionisti, spesso anche con l’apporto di personale medico.

Per le complessità gestionali ed economiche, sempre più spesso i servizi di ristorazione collettiva sono affidati a società esterne di catering. Nella ristorazione collettiva è, dunque, di fondamentale importanza sia elevare il livello qualitativo dei pasti, mantenendo saldi i principi di sicurezza igienica, di qualità nutrizionale e organolettica, di corretto utilizzo degli alimenti sia, allo stesso tempo, favorire scelte alimentari nutrizionalmente corrette, tramite interventi di valutazione dell’adeguatezza dei menù e la promozione di alcuni piatti/ricette.

Le principali forme di ristorazione collettiva sono:

  • ristorazione aziendale: all’interno di aziende di dimensioni medie o grandi;
  • ristorazione scolastica: all’interno di scuole, università, centri di formazione;
  •  ristorazione socio-sanitaria: all’interno di ospedali, cliniche, case di cura e riposo;
  • ristorazione comunitaria: all’interno di istituti religiosi, caserme, carceri penitenziari;
  • ristorazione assistenziale: destinata a persone indigenti; organizzata in mense, ma anche con servizio a domicilio.
Share This